La scienza dei maghi


Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social



Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

  La magia e la mente

L’Io che l’uomo dice di essere non può essere l’Io, se non nel pensiero vivente: ancora da lui non conosciuto. Egli conosce solo il pensato, o pensiero riflesso

  • 07-02-2020
  • Giuseppe Montaldo

     Nel mio libro 'I viaggi del matto' il sottotitolo recita: incontra ciò che sei.

     Il significato è evidente: nella nostra vita dobbiamo imparare a riconoscerci, a riconoscere ciò che già siamo.

   E per fare questo bisogna avere il coraggio di conoscere se stessi, di metterci in discussione e guardarci dentro.

      E questo è sempre un percorso difficile.

  Il coraggio serve ad accettare ciò che non ci piace di noi perchè, anche se inconsapevolmente, sono molte le cose che non ci piacciono di noi stessi.

     D'altra parte l'umanità ha sempre l'importanza di conoscere se stessi.

     Nell'antica Grecia, nel frontespizio del Tempio di Apollo sul Monte Parnaso, stava scritto 'Gnôthi sautón':

“Ti avverto, chiunque tu sia, oh tu, che desideri sondare gli Arcani della natura, se non troverai dentro te stesso quello che cerchi, non potrai nemmeno trovarlo al di fuori! Se ignori l'eccellenza della tua propria casa, come puoi pretendere di incontrare altra eccellenza? In te si trova celato il tesoro dei tesori. Conosci te stesso e conoscerai l'Universo e gli Dei! "

 

     Come possiamo definire il processo di individuazione?

 

     “Un continuo e costante riconoscimento di sé, della propria diversità e unicità e la capacità di vivere e affermarlo in tutte le prove della vita. Il riconoscimento di ciò che siamo parte dalla psiche fino ad arrivare allo spirito. Attraverso questo riconscimento: nella psiche impariamo a conoscere noi stessi; nello spirito diventiamo uno e tutto. "

 

      Vediamo anche alcune definizioni di C.G. Jung che è stato il primo a definirlo

 

     “Il processo di differenziazione ha come meta lo sviluppo della personalità individuale; esso rappresenta quindi lo sviluppo delle particolarità di un individuo, sulla base della sua disposizione naturale. Pur costituendo una “via individuale” che può deviare rispetto a quella consueta, essa deve condurre ad uno spontaneo riconoscimento delle norme collettive. L’individuazione rappresenta un processo di elevazione spirituale: essa porta infatti ad un ‘ampliamento della sfera della coscienza’.”

 

     “Saper istituire la differenza fra se stesso e la propria ombra è il primo passo sulla via dell’individuazione.” (dal libro ‘Lettere tra C. C. Jung e padre Victor White’)

 

«In realtà, il processo d’individuazione è quel processo biologico…attraverso il quale ogni essere vivente diventa quello che è destinato a diventare fin dal principio»
(C.G.Jung, Psicologia e Religione – Opere, Vol. 11, p.294)

 

     Cosa è l’ampliamento della sfera di coscienza?

 

     Sempre ne ‘I viaggi del matto’ potete leggere i capitoli:

 

     ‘il raggio del cuore’ (https://www.gmontaldo.it/?/63)

     ‘il velo che separa i mondi’(https://www.gmontaldo.it/?/63)

 

     A questo punto come ci aiuta la mappa?

 

     Abbiamo detto che il progetto senso è la direzione della nostra vita, cioè ciò che le da il senso.

     Noi partiamo dallo strumento (l’anno di nascita, che rappresenta la memoria genealogica) e andiamo verso il nostro progetto senso.

     Secondo la psico-bio-genealogia (Frechèt, Brebion, Sellam e altri) il progetto senso è:

   "ciò che è avvenuto in un periodo che va dal desiderio conscio o inconscio dei nostri genitori di metterci al mondo fino ad un anno di vita, passando quindi dalla vita intra-uterina ( S.Sellam). 

 

   Ma noi sappiamo (Steiner e filosofie orientali) che il nostro progetto di vita l’abbiamo deciso con i nostri maestri nel periodo che va dalla morte alla nuova vita in base agli obbiettivi di sviluppo della nostra anima.

           

   Per cui potremmo dire che il progetto senso che viviamo è l’incontro dei due aspetti precedenti. Infatti noi scegliamo i nostri genitori secondo gli obbiettivi della nostra evoluzione animica.

 

    Riguardo alla mappa dei talenti quanto appena detto significa che la carta che rappresenta il progetto senso si identifica con il progetto senso?

 

   A questa domanda risponderemo più avanti. Sarà oggetto di discussione nel corso di numerologia e di un futuro articolo.

 

Vedere anche:

https://www.gmontaldo.it/?/105

 

GIUSEPPE MONTALDO

Chi è, cosa fa
è ricercatore, scrittore, naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale:

GIUSEPPE MONTALDO

Consultazioni online
Posso assisterti anche online con gli strumenti seguenti:

Cerca nel sito

© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy